Press Releases

Formazione E Simulazione Dei Carrelli Elevatori a Forche. Un Matrimonio Contratto in… Magazzin

 Link permanente   tutti i messaggi
A_forklift_Simulation_250Hyster sta studiando i vantaggi dell'uso di un simulatore di carrelli elevatori a forche in risposta al numero sempre maggiore di aziende interessate all'uso della simulazione nell'ambito dei loro programmi di formazione. 

Robbert Wijnandts, Istruttore Commerciale per Hyster Company afferma: “L'odierna tecnologia di simulazione dei carrelli elevatori a forche fornisce all'utente un ambiente immersivo, completamente tridimensionale, abbinato agli effettivi comandi e le relative reazioni di un vero carrello elevatore a forche. Con il carrello elevatore a forche virtuale è possibile simulare perfino le condizioni operative più difficoltose per fornire un'esperienza di guida realistica."

Il nuovo Hyster Simulator è dotato dello stesso sedile, degli stessi pedali, volante, CANBus e comandi idraulici presenti sul modello Hyster® Fortens®.  L'utente indossa un visore VR (occhiali stereoscopici a 360° Oculus) e quando ruota il capo, il visore offre visioni diverse attraverso il montante, in alto, in basso e di lato, mentre gli spettatori assistono all'attività su uno schermo. Il software può inoltre essere personalizzato in modo da creare esperienze con diversi montanti e attrezzature, come ad esempio le pinze per i rulli di carta. 

Spiega: "La resistenza e la sensazione sono identiche a quelle provare nella realtà, ma l'azione di movimentazione dei carichi naturalmente avviene in un ambiente "da videogame" privo di rischi. Sono svariati gli impieghi di tale tecnologia se utilizzata nel modo giusto per le varie aziende, dall'introduzione delle persone all'esperienza di guida in occasione di un evento fino alla sua integrazione nei programmi di formazione.”

Robbert spiega che alcuni critici sostengono che la simulazione non è "pratica", è superflua e non è realistica rispetto al carrello elevatore vero, ma dice che queste argomentazioni non considerano ciò che la simulazione può fare. L'addestramento al simulatore mira a ridurre i costi e ogni rischio associato, in particolare nelle fasi iniziali del percorso di formazione. 

Per utilizzare un carrello elevatore in un ambiente reale occorrono di norma tre fasi di formazione: formazione di base dell'operatore (che prevede l'apprendimento delle nozioni di base su comandi, impianto idraulico, sicurezza, ecc.) a cui segue la formazione per la specifica mansione (relativa ai carrelli elevatori che verranno effettivamente utilizzati e alle eventuali attrezzature) completata infine dalla formazione di familiarizzazione in cui l'operatore viene introdotto per la prima volta alla vera attività in ambiente reale.

Generalmente si utilizza un insieme di formazione teorica in classe e di formazione pratica per formare gli operatori in soli tre giorni con decine di operatori formati in questo modo ogni anno.

Robbert suggerisce che i simulatori di carrelli elevatori a forche ora possono essere utilizzati lungo questo intero percorso di apprendimento dai reparti di formazione che intendono aumentare l'impegno degli allievi, ridurre i costi e migliorare la sicurezza. Saranno adatti alle grandi organizzazioni che forniscono la formazione in sede e ai fornitori di formazione esterni di maggiori dimensioni, con il vantaggio di poter formare un maggior numero di operatori. Il simulatore dispone di molte impostazioni diverse in modo da poterlo utilizzare come uno strumento all'interno di programmi di formazione diversi, da un'attività di apprendimento di tipo ludico per i non operatori fino a sessioni di formazione più dettagliate per gli operatori qualificati.

Dice: “Anziché passare direttamente all'area di addestramento, l'apprendimento può essere accelerato costruendo la memoria muscolare dell'allievo in classe e migliorando la sua consapevolezza dello spazio e dei pericoli fin dall'inizio” e spiega che l'unità pallet è facile da configurare. 

Nick Welch, Direttore Tecnico per RTITB, l'ente preferito di accreditamento della formazione al trasporto nei luoghi di lavoro spiega: “I simulatori di carrelli elevatori possono essere di aiuto e ausilio per la formazione di base ma non devono mai essere considerati sostitutivi di questa fase essenziale. Tuttavia possono avere un ruolo nella formazione specifica (come descritto in ACOP L117) e accrescerebbero notevolmente il valore del processo.  L'altro ambito in cui la simulazione può aggiungere notevole valore è la valutazione dell'abilità e della competenza di un operatore.”

Ma non si tratta soltanto di formare gli operatori. La simulazione può essere utilizzata per individuare nuovi potenziali operatori e impartire una formazione di familiarizzazione ad operai, supervisori e responsabili di magazzino, fornendo una maggiore consapevolezza ci ciò che gli operatori possono vedere, e per istruire in merito ai rischi.  Può inoltre essere di aiuto con un maggiore allenamento regolare di ripasso, nell'introduzione di nuove iniziative di sicurezza e per trattare problematiche quali l'autocompiacimento e le cattive abitudini.  

Robbert dice: “La routine quotidiana e le pressioni sulla tempistica possono far dimenticare ciò che si è appreso in occasione della formazione iniziale.  La simulazione regolare monitorata può aiutare a rinsaldare la motivazione e dei test in vari scenari possono aiutare a indurre un cambiamento comportamentale con conseguente miglioramento della produttività.”

Per maggiori informazioni su Hyster, visitare il sito www.hyster.com.